Orologi da mangiare

Si chiama Montre for Chef ed è la nuovissima linea di orologi creata da ExtraWatches. Dodici grandi chef hanno affidato i loro piatti più “significativi” ai migliori maestri artigiani del settore degli orologi e, grazie alla contaminazione fra arti e linguaggi differenti, è nato un oggetto unico, esclusivo, da collezionare. Massimo Bottura, dell’Osteria Francescana di Modena, Antonino Cannavacciuolo, del Villa Crespi di Orta, Moreno Cedroni, del Ristorante Madonnina del Pescatore di Senigallia, Enrico e Roberto Cerea, del ristorante da Vittorio di Brusaporto (BG), Ciccio Sultano, del Duomo di Ragusa Ibla, Andrea Aprea, del ristorante Vun di Milano, Igles Corelli del ristorante Atman, i Costardi Bros del Christian e Manuel dell’Hotel Cinzia di Vercelli, Nino Di Costanzo, del ristorante Il Mosaico di Ischia, Vito Mollica del Plagio dell’Hotel Four Seasons di Firenze, Mauro Uliassi dell’Uliassi di Senigallia e Luciano Zazzeri de La Pineta di Marina di Bibbona, sono i protagonisti di questo originale progetto che unisce la cucina si fonde a complessi meccanismi che regolano lo scorrere del tempo.

Il piatto dello chef, già quintessenza di maestria e perfezione, diviene un piccolo capolavoro d’arte, simbolo di precisione ed eccellenza. Due mondi differenti che si fondono all’unisono, generando un’esperienza plurisensoriale dove l’emozione gioca un ruolo dominante.

Montre for Chef rappresenta la voglia di costruire nuove sfide culturali. Un viaggio alla ricerca della creatività intesa come contaminazione di più linguaggi espressivi. L’orologio si spinge così oltre la mera funzionalità per divenire un oggetto da collezione che indaga e racconta della fantasia e dei sensi, da molteplici punti di vista.

Per quanto riguarda le caratteristiche tecniche, il movimento è meccanico svizzero con carica manuale. La cassa in acciaio ha un diametro di 44 mm; il quadrante base è realizzato con un fossile di mammut, che offre un effetto madreperla e si presta ad ogni elaborazione con molta duttilità. In questa operazione ExtraWatches si avvale di partner straordinari tra i quali uno dei maggior produttori di casse per orologi a livello mondiale e un artigiano specializzato nella dipintura e realizzazione a mano di quadranti.

L’orologio viene venduto fornito di due cinturini entrambi in vitello stampato uno in colore nero, l’altro in un colore che sposa le tonalità predominanti del piatto riprodotto nel quadrante. Il certificato di garanzia che lo accompagna riporta il numero di serie di ogni pezzo.

 

ExtraWatches: l’idea di Montre for Chef

L’idea di costruire un prodotto che unisse il mondo dell’enogastronomia con quello degli orologi nasce da Giancarlo Maffi uno dei soci di ExtraWatches che sin da bambino coltiva queste sue due passioni.

Da sempre affascinato dal mondo dell’alta cucina, aveva appena sei anni quando il padre gli regalò un Girard-Perregaux con un quadrante molto particolare. Un po’ di anni dopo si ritrovò a lavorare per il gruppo Cartier: così, viaggiando spesso per necessità professionali, unì l’utile al dilettevole e si fermò a scoprire il mondo degli chef in ogni angolo di Italia. La professione lo portò ad incontrare Roberto Cella, altro straordinario esperto e profondo conoscitore del mondo degli orologi. E lui è il secondo pilastro di ExtraWatches. Con loro completano la compagine societaria Fulvia Marziale, Carlo Fontana e la famiglia Guaraldi.

 

Anita Pezzotta

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...