Gian Paolo Barbieri in mostra ad Aosta

Gian Paolo Barbieri, padre della fotografia di moda. A lui il plauso d’aver immortalato i momenti più belli dello stile, ma soprattutto di quel fenomeno noto come prêt-à-porter che negli anni ’70 ha cominciato a muovere i primi passi in un’Italia desiderosa di fare e sperimentare, e d’averli portati fino ai giorni nostri. Memorabili le sue collaborazioni con i più grandi stilisti del made in Italy, Gianfranco Ferré, Valentino e Versace in testa, così come il suo contributo imprescindibile nella definizione corrente della pubblicità di moda, complice l’allestimento creativo di innovativi set fotografici per campagne realizzate in tandem con il couturier Valentino.

A lui, al suo estro creativo e alla sua inconfondibile cifra stilistica il Centro Saint-Bénin di Aosta dedica la mostra “Gianpaolo Barbieri. La seduzione della moda”, visitabile sino al 2 novembre prossimo.

Curata da Daria Jorioz e da Raffaella Ferrari, l’esposizione ripercorre la carriera del fotografo milanese attraverso 58 scatti di grande formato, che raccontano la storia della moda dagli anni ‘60 fino ai primi anni Zero: dalle campagne pubblicitarie per le maison Valentino, Armani, Ferré e Versace, alle copertine di Vogue, in un percorso denso di suggestioni che, descrivendo l’evoluzione del suo stile, offre, al contempo, uno spaccato sulla storia recente della fotografia di moda.

Gian Paolo Barbieri ha ritratto nel suo studio le icone della moda e del mondo dello spettacolo: dalla magnifica Audrey Hepburn del 1969 alla top model Veruschka, a Vivienne Westwood, per arrivare a note celebrità del cinema e dell’arte come Monica Bellucci, Anjelica Huston, Sophia Loren, Rudolph Nureyev, Jerry Hall, Gilbert&George.

Nato a Milano nel 1938, ha contribuito a creare l’immagine di moda, lavorando a stretto contatto con gli stilisti e le testate di moda più famose. I suoi scatti glamour sono stati fonte di ispirazione per molte altre firme della fotografia: nelle sue immagini si ritrova una rigorosa ricerca della perfezione formale e insieme il racconto e la narrazione di un mondo “altro”, quello della bellezza, del sogno, complici le sue reminiscenze giovanili maturate nel mondo del cinema in un’operosa Cinecittà. Un’esperienza quella con la settima arte che molto influenza la cifra stilistica del fotografo: numerosi, infatti, sono gli scatti in cui si riscontra un’evidente ispirazione cinematografica, in cui il set, il posato da studio, non solo mette in scena, ma racconta come fosse il frame di un film.

Nel 1961 viene reclutato da Tom Kublin come assistente sui set delle collezioni francesi di moda: una collaborazione breve a causa della morte improvvisa dello stesso Kublin. Nel 1965, invece, ha inizio l’avventura con Vogue: a lui il compito di realizzare la copertina del primo numero di Vogue Italia. Ed è proprio grazie ai servizi fotografici per le edizioni italiana, francese, americana e tedesca della rivista che le grandi firme della moda gli affidano le loro campagne pubblicitarie. Nel 1978 Barbieri è indicato da Stern tra i quattordici autori che hanno fatto la storia della fotografia di moda. Le sue fotografie sono esposte in sedi prestigiose in tutto il mondo, al Victoria and Albert Museum di Londra, alla National Portrait Gallery di Londra e al Kunstforum di Vienna.

A corollario della mostra, un catalogo bilingue italiano-francese, che contiene le riproduzioni di tutte le opere in mostra, i testi di Daria Jorioz e Raffaella Ferrari e un’intervista a Gian Paolo Barbieri, edito da Allemandi.

Un viaggio per immagini nel meraviglioso mondo della moda e del made in Italy. Prestigioso compagno di viaggio, l’obiettivo di Gian Paolo Barbieri, colui che ha cristallizzato singoli istanti che, letti in successione, riproducono la storia di un Paese, ma ancora più, della società.

 

Gian Paolo Barbieri. La seduzione della moda

Centro Saint-Bénin, Aosta

Fino al 2 novembre 2014

Orari: martedì-domenica 9.30-12.30 / 14.30-18.30, chiuso lunedì

 

Anita Pezzotta

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...