Marketing, le 5 nozioni essenziali da possedere

Nei mercati attuali, caratterizzati dall’elevata competitività, il marketing ha pervaso ogni funzione aziendale. In particolare, nelle realtà di piccole dimensioni, tutti hanno un ruolo nei processi di promozione finalizzati alle vendite.

Bando alla complessità della materia, è però fondamentale che chiunque lavori in azienda abbia le competenze essenziali di marketing che possono contraddistinguere lo svolgimento di attività anche non strettamente legate.

5, in estrema sintesi, sono le nozioni base da possedere.

 

1. La legge dell’80/20 o Principio di Pareto

Secondo l’economista che ne ha dato anche il nome, la maggior parte degli effetti è dovuta a un numero ristretto di cause. In altre parole, applicata al marketing significa che l’80% delle vendite sono generate dal 20% dei clienti. Ovviamente si tratta di percentuali variabili, ma il principio dell’80/20 implica che bisogna sapere a chi attribuire la percentuale che genera profitto per poterne tenere conto nelle azioni di promozione e pubblicità.

 

2. La segmentazione del target

La segmentazione rappresenta il passo successivo: conoscere le tipologie dei propri clienti per strutturare strategie di approccio diversificate di conseguenza. Vi sono centinaia di criteri con cui si possono segmentare i clienti – età, posizione geografica, tipo di business, frequenza di interazione con l’azienda, ecc. – ed è importante scegliere quelli più rilevanti per gli obiettivi di business che ci si è posti. Si noti bene che segmentazione è diversa da posizionamento: nel primo caso, si tratta della suddivisione della clientela in diversi potenziali target, nel secondo, invece, della scelta del proprio target di riferimento, con tanto di attuazione di politiche e azioni di marketing studiate ad hoc.

 

3. La comunicazione di marketing

Non esiste marketing senza comunicazione. Perché un’impresa abbia successo, deve trasmettere efficacemente il proprio messaggio al target di riferimento e la comunicazione di marketing è proprio la disciplina che consente di trovare il modo e il linguaggio più efficace per parlare a ogni target secondo le sue caratteristiche e i suoi bisogni. Una buona comunicazione racconta una storia che fa leva sulle emozioni e stimola interesse; essa, inoltre, si avvale di un mix di canali: sales visit, email, pubblicità, contenuti di marketing.

 

4. La differenziazione

In un mercato saturo di prodotti e servizi, diviene fondamentale differenziarsi al fine di ottenere un vantaggio competitivo. Quest’operazione denota la capacità di marketing di elaborare una giusta strategia di approccio al mercato.

 

5. I social media

Sembra ormai un argomento scontato, ma sono proprio i social media che, potenzialmente, trasformano ogni figura aziendale che ha rapporti con i clienti in un “addetto al marketing”. Facebook, ma anche Twitter, Linkedin, Instagram, ecc., consentono di sviluppare conversazioni con clienti e potenziali clienti, di sondarne umori e opinioni, di coglierne idee e feedback, così come di affermarsi quali esperti di specifiche tematiche legate al proprio business in modo creativo.

 

Anita Pezzotta

1 Comment

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...