Il negozio smart

Una mano tesa per toccare gli articoli a disposizione sullo scaffale, l’altra in movimento sul nostro smartphone, per avere informazioni in tempo reale sul prodotto che abbiamo davanti, grazie ad App e siti internet dedicati: è così che presto faremo shopping nei negozi delle nostre città.

Una sorprendente interattività, trasversale tra servizi online e negozio fisico, è la nuova tendenza del retail. Siamo sempre più desiderosi di informazione su ciò che compreremo: vogliamo sapere esattamente cosa stiamo scegliendo e se ci sono migliori alternative per risparmiare. Siamo sempre più “smartphone shoppers”, ossia utenti che usano il proprio device per raccogliere informazioni online su prodotti. Secondo i dati presentati dalla direzione Travel & Retail BU di Google, essi rappresentano il 79% delle persone che posseggono un telefonino di ultima generazione. Questi utenti cercano punti vendita almeno una volta al mese (62%), o almeno una volta a settimana (17%). Del resto, il 90% dei possessori di uno smartphone, se ne serve per svolgere ricerche prima di avventurarsi tra le vie dello shopping o nei centri commerciali. Tra le informazioni più cercate: le istruzioni su come raggiungere il punto vendita (58%), gli orari di apertura (57%) e le informazioni utili per comparare modelli e per trovare offerte convenienti (44%). Tra loro, solo il 19% acquisterà un prodotto direttamente online.

Questa nuova tipologia di clienti tecnologici non toglierà completamente lo sguardo dal proprio smartphone anche quando sarà entrata in negozio. Anzi, sempre secondo i dati di Google, 1 cliente su 3 preferirà l’informazione online al commesso, per reperire informazioni anche dentro al punto vendita.

Così, per incontrare questa nuova esigenza, l’accoglienza in negozio cambia e si fa ibrida, grazie anche a speciali touchscreen, totem o app dedicate a informare sulle promozioni e a illustrare le varietà dei prodotti, mentre il Wi-Fi gratuito incoraggia a usare il proprio smartphone senza problemi di rete e le nuove frontiere della realtà aumentata portano il prodotto a contatto virtuale con il cliente e perfino con l’ambiente in cui dovrà essere collocato.

L’acquisto, più che mai reale, avverrà dunque in uno spazio nuovo, sospeso tra digitale e fisico: il cross-channel, una dimensione ricca di opportunità sia per chi vende che per chi compra; un’evoluzione dal fisico al digitale e viceversa. Così se i negozi fisici si digitalizzano, quelli virtuali scoprono le tre dimensioni aprendo punti di vendita reali, come le librerie proposte recentemente da Amazon.com e da Made.com.

Questa tendenza chiede dunque risposte da parte dei commercianti, impegnati a “farsi trovare” nel mondo virtuale per farsi apprezzare nel mondo reale. Come? Qui entra il gioco un’altra dimensione che si può sintetizzare con la massima “la conversazione è l’anima del commercio”. Il fine delle nuove strategie di comunicazione nel punto vendita è trasformare la frequentazione del proprio negozio in un’esperienza unica, ricca di suggestione e degna di essere raccontata e consigliata agli amici. Se soddisfatto, infatti, il cliente diventa protagonista attivo anche nella promozione del negozio: perché a tutti noi piace, oggi, mostrare orgogliosamente su facebook i nostri ultimi acquisti o cinguettare su Twitter la nostra soddisfazione per la bella esperienza in questo o quel punto vendita.

L’evoluzione dello shopping come esperienza qualificante è un fenomeno diffuso, che sta interessando anche la grande distribuzione. Quando compriamo, valutiamo un prodotto come insieme di tanti aspetti: il consumatore, infatti, premia maggiormente offerte non omologate, in grado di suscitare il suo interesse informato, allontanandosi sempre di più dalla fascinazione dei vecchi messaggi pubblicitari.

In conclusione, sembra proprio essere smentita la tendenza a ritenere che il proliferare di iniziative di vendita online possa causare l’inaridimento dell’offerta nei negozi fisici. Tutt’altro che un fenomeno alla “Video killed the radio star”, ciò che possiamo aspettarci dal futuro, grazie alle nuove applicazioni “smart” e ai nuovi stili di acquisto, è una città ricca di negozi specializzati e dalla forte identità, potenziata anche dal mondo virtuale, dove saremo sempre più protagonisti delle nostre scelte e dove il rapporto qualità prezzo, tanto dei prodotti, quanto delle informazioni su di essi, sarà il vero trend setter delle nostre scelte.

 

Anita Pezzotta

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...