Aspettando MiArt

Profilo internazionale con un’inedita apertura alla città tramite un ricco programma di opening ed eventi: questi i due tratti essenziali dell’imminente edizione 2014 di MiArt (dal 28 al 30 marzo a Milano), la seconda targata Vincenzo De Bellis. Poco meno di cinquanta le gallerie partecipanti, una dimensione adeguatamente supportata dal mercato e dalla location della fiera di Milano. Da incrementare, infatti, non tanto il numero degli espositori e nemmeno quello dei biglietti staccati quanto il volume delle vendite. Carattere veramente innovativo, la vocazione internazionale dell’iniziativa: il 45% delle gallerie ospiti, infatti, viene dall’estero con una dominanza di statunitensi, inglesi e tedesche, senza tralasciare le presenze più esotiche. Con tre gallerie in arrivo dal Sud Africa, nell’ottica di quella partnership che ha portato Fiera Milano a gettare l’ancora a Johannesburg e con la micro-sezione curata da Abaseh Mirvali, direttrice esecutiva della Fondazione Jumex, che timbra con l’etichetta conflux cinque spazi in arrivo da Turchia, Argentina, Emirati Arabi, ma anche Stati Uniti e Germania.

A latere, l’inedita apertura di MiArt sulla città di Milano, complice la messa a punto di un calendario di eventi – the spring awakening, dieci giorni che iniziano con l’equinozio di primavera e terminano l’ultimo giorno di fiera – che la coinvolgono in diversi spazi pubblici e privati. Il PAC, per esempio, accoglierà la personale di Regina José Galindo, l’Hangar Bicocca quella di Cildo Meireles e Palazzo Reale le celebrazioni per il cinquantesimo anniversario della morte di Piero Manzoni. Si segnalano inoltre sin da ora tra gli appuntamenti in galleria le performance di Michael Fliri da Raffaella Cortese, David Lamelas da Lia Rumma e Ceal Floyer da Lisson.
Cambio di location e tipologia di intervento, invece, per l’ormai consueta serie di eventi prodotti in collaborazione con Fondazione Trussardi. L’anno scroso era stata la volta del Teatro dell’Arsenale per Liberi Tutti, quattro serate con le performance live di Gelitin, Darren Bader, Keren Cytter e Thomas Zipp. Quest’anno l’indirizzo è quello del Planetario intitolato a Ulrico Hoepli, palcoscenico di un misterioso Cine Dreams.

 

MiArt

Dal 28 al 30 marzo 2014

Milano, sedi varie

 

Anita Pezzotta

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...