Lo spazio del mondo

Ha inaugurato sabato 6 ottobre presso la GAMeC di Bergamo – Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea – C@rte del Mondo. Spazialità e Mondializzazione”.

Visitabile fino all’11 novembre 2012, la mostra è realizzata in collaborazione con l’Università degli Studi di Bergamo – attraverso il CST-Laboratorio Cartografico Diathesis – e con l’Associazione BergamoScienza, proprio in occasione della X Edizione di BergamoScienza, uno tra i più importanti festival scientifici internazionali in programma proprio in questi giorni, dal 5 al 21 ottobre.

C@rte del Mondo si concentra su due dei temi cardine dell’edizione: la spazialità e la mondializzazione.
Le sale della GAMeC accolgono numerose opere d’arte che affrontano le tematiche di spazio, misura e geografia accanto a prezioso materiale cartografico che mostra lo sviluppo della Geografia e l’interpretazione del rapporto tra spazio e società nei diversi periodi storici. Un percorso espositivo che, escludendo un excursus storico sulla cartografica, presenta al visitatore l’evoluzione del concetto di spazialità e le sue molteplici forme di rappresentazione fino alle attuali riformulazioni topologiche.

In mostra, mappe di enorme valore documentale accanto a opere di Giacomo Gastaldi, Giovan Battista Caniana, Carlo Bartolomeo Grismondi e Francesco Morandi, provenienti da Istituti di conservazione veneti e lombardi; capolavori provenienti dall’Accademia Carrara di Bergamo (tra gli artisti presenti Vincenzo Foppa, Bernardo Canal e Johann Georg Sanz) e importanti opere di artisti contemporanei quali Alighiero Boetti, Emilio Isgrò, Alberto Garutti, Giulio Paolini, Anish Kapoor, Flavio Favelli, Robert Gligorov, Giuseppe Stampone e Patrice Cujo, solo per citarne alcuni.I documenti e le opere presenti in mostra coprono un vasto periodo storico, che corre dal Rinascimento ai giorni nostri: un volo pindarico utile a comprendere il mondo in cui viviamo, il postmoderno. Una realtà particolare, sulla quale aveva riflettuto anche il filosofo americano Frederic Jameson nel volume La logica culturale del tardo capitalismo, arrivando ad affermare l’impellente necessità di una forma culturale basata sull’estetica della cartografia cognitiva:La forma politica del postmoderno, se mai ne avrà una, avrà come vocazione l’invenzione e la proiezione di una cartografia cognitiva, su scala sociale e spaziale”, dichiarava con fervore. E, in effetti, una delle sfide più intriganti della contemporaneità è proprio quella di rappresentare il mondo globalizzato. La mondializzazione, scardinando alle radici la componenzialità del Mondo determinata dalle frontiere, elementi propri della modernità, esige una nuova riproduzione ancorata alla reticolarità; quest’ultima, determinata dalle connessioni e dalle relazioni che i poli metropolitani alimentano, configura il Globo come un sistema unitario e, allo stesso tempo, plurale, che va rappresentato mediante nuove elaborazioni concettuali. La sfida è di riuscire a rappresentare la spazialità societale, ossia un mondo non più costituito solo da terre, mari, continenti e stati, cioè da elementi fisici e fenomenici, quanto piuttosto da esseri umani e dalle comunità che trasformano tali elementi in spazio abitato. Una sfida recentemente raccolta da alcuni artisti contemporanei che creano immagini evocanti il movimento, la connettività del mondo di oggi e lo spazio nelle sue diverse sfaccettature, ma anche da geografi, che hanno sperimentato nuove cartografie che recuperano la terza dimensione, la sfericità terrestre e l’anamorfosi, per esaltare la presenza dell’individuo.

Quattro le sezioni in cui si articola la mostra:

La cartografia come spazializzazione del Mondo. La sezione illustra l’importanza della cartografia nel determinare il nostro rapporto con il mondo. Semioticamente, la carta è definita come una rappresentazione analogica del mondo basata su un linguaggio digitale che assolve due funzioni primarie: descrivere e concettualizzare, ovvero dire come è fatto il mondo e fornire una sua interpretazione. Attraverso planisferi, carte nautiche, carte amministrative e atlanti, vengono analizzate le influenze che la cartografia ha avuto sul panorama artistico contemporaneo; i documenti esposti mostrano l’origine cinquecentesca della struttura tecnica di questa disciplina, e le opere presenti la rimettono in scena. Inoltre, viene mostrato come nel tempo essa abbia incarnato un concetto di spazio che è mutato in relazione alla società di appartenenza: dalla spazialità dell’ecumene in età greca a quella reticolare del periodo romano; da quella odologica e creazionista del Medioevo a quella areale del Rinascimento.

La descrizione del mondo: territorio e paesaggio. Dal periodo rinascimentale la cartografia ha illustrato anche l’aspetto visivo dei luoghi e il concetto di paesaggio è stato formalizzato sia in ambito pittorico sia cartografico. Questa sezione mostra alcuni esempi di carte territoriali o paesaggistiche, riconosciute rispettivamente grazie al punto di osservazione: zenitale per il territorio e prospettica per il paesaggio, per l’esclusione o l’inclusione del soggetto che osserva e interpreta ciò che vede. In mostra carte, dipinti e nuove elaborazioni digitali che, nel tentativo di recuperare i valori culturali dei luoghi illustrati, assumono tridimensionalità e un linguaggio figurativo.

La topografia e il dominio del mondo. Nel XVIII secolo la topografia, adottando un linguaggio astratto e codificato, ha escluso la possibilità di mostrare il valore sociale del territorio e quello culturale del paesaggio, producendo così la banalizzazione del mondo. Questo strumento è stato utilizzato per controllare i territori europei e dominare, mediante l’esportazione di tale modello spaziale, quelli coloniali in ogni parte del globo. In questo modo, l’identità e i valori olistici dell’Altrove sono stati annullati. La sezione illustra la nascita della topografia, gli strumenti tecnici di cui si serve e le ripercussioni sul controllo del territorio europeo e sul dominio di quello straniero attraverso dipinti, carte e fotografie.

La mondializzazione e la nuova spazialità. La mondializzazione scardina la spazialità areale e ne propone una reticolare. L’insieme delle relazioni e della circolazione di persone, merci e informazioni ha annullato i confini; inoltre, l’eurocentrismo è stato soppiantato dalla multipla polarità delle megalopoli. I cartografi stanno cercando di restituire questa spazialità reticolare mediante tecniche quali l’anamorfosi, l’autoestensione, l’interattività e la cartografia di paesaggio.

 

Anita Pezzotta

 

C@rte del Mondo. Spazialità e Mondializzazione

Fino all’11 novembre 2012

GAMeC – Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea

Via San Tomaso 53, Bergamo

www.gamec.it

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...