Cibo prêt-à-manger…

Padre e figlia coinvolti a quattro mani in un progetto atipico: la pubblicazione di testi anti-noia. In altre parole, libri da collezione che evochino valori e libertà ormai desueti, travolti dall’imperante individualismo contemporaneo.

Questo il leitmotiv alla base del lavoro del giornalista milanese Andrea Garbarino e di sua figlia Elena nell’ideazione e creazione della casa editrice Endemunde Edizioni.

Il risultato? Testi facilmente consultabili, che soddisfano il bisogno di conforto e riflessione dei lettori; testi vintage di saggistica e narrativa a cui si affiancano quelli dell’ironica collana Emergency Exit, dedicata alle istruzioni per l’uso della vita quotidiana.

Una novità che vede già schierato il suo primo titolo: “Benedette Scatolette”, divertente libro di Antonio Mungai, giornalista ed esperto enogastronomico. Un volume di “ricette zero-sbatti per giovani imbranati, lavoratrici affannate, velisti duri & puri e gourmet dissoluti”, come lo definisce lo stesso Mungai, “Benedette Scatolette” offre interessanti idee per spuntini, insalate, sughi, creme fredde, zuppe, secondi piatti e dolci. Un menù completo, dalla A alla Z, dove trovare spunti e suggerimenti con cui organizzare in modo pratico e veloce piatti originali e appetitosi. Un ricettario fantasioso e visionario, con il quale Mungai vuole dimostrare che il cibo prêt-à-manger – che comprende non solo le scatolette menzionate nel titolo, ma anche i tubetti, i barattoli in vetro, le spezie e gli aromi – è ben più vario e articolato di quanto si possa immaginare, possedendo virtù il più delle volte nascoste e rivelandosi un valido alleato nella pratica culinaria dell’ultimo minuto.

“Benedette Scatolette” – è il caso di dirlo – diviene la ricetta miracolosa per chi non ama cucinate e detesta fare la spesa, dedicato a tutti coloro che “preferirebbero tradurre il De Bello Gallico piuttosto che farcire una faraona”, come afferma l’autore nell’introduzione. Ma non solo…si rivolge anche a tutti coloro che si dilettano in cucina, mettendosi alla prova per realizzare menù originali con mezzi inusuali e spesso non presi in considerazione, proprio come insegna la scuola di Moreno Cedroni, il celeberrimo chef che per primo ha prodotto in scatola specialità del suo ristorante marchigiano La Madonnina del Pescatore.

Passando dai fagioli al tonno alle allettanti proposte come “Champignon in salsa di cocco al curry”, “Roastbeef piccantino con palmito” e “Spinaci con ribes e foie gras d’anatra”, il libro analizza le scatolette come forzieri che nascondono preziosi e inaspettati tesori, capaci di far ricredere anche il più scettico dei palati con percorsi innovativi, a portata di scaffale del supermercato.

 

Anita Pezzotta

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...